Posted on

Tour e Manifestazioni – 2006

Niccolò Fabi – “Novo Mesto Tour”

 

Novo Mesto è il quinto album di Niccolò Fabi che torna nella scena musicale italiana dopo 3 anni, estraendo dall’album i singoli Costruire, Oriente ed Evaporare.

Album che sarà quindi oggetto del tour estivo, di cui abbiamo qui di seguito un estratto dalla data di Milano, il 18 settembre 2006:

Mario Venuti – “Magneti Tour”

In seguito alla partecipazione nell’edizione del 2006 di Sanremo, il cantautore siciliano pubblica l’album “Magneti”.

 

G. A. Le Muse – “Chiamale come te pare”

 

 

Associazione La Bottega Del Sorriso

“Cirte cose nin finisce mai”

 

 

 

Pergamena in Concerto

 

Mimmo Locasciulli

L’evento che quest anno ha accompagnato i neo-laureati nella consegna dei diplomi ha riguardato il cantautore e medico Mimmo Locasciulli

 

Presepe Vivente @ Montesilvano

Sotto la regia di Marina Di Carluccio, 90 attori hanno messo in scena la 7° edizione del presepe vivente a Montesilvano (PE).Di seguito, alcuni articoli al riguardo:

 

Franco Battiato @ Pineto

Battiato torna in Abruzzo ad un anno dal suo concerto nella fortezza di Civitella. Di seguito, un articolo sull’evento su “Il Centro

 

Castelbasso – Progetto Cultura

Toots Thielemans Quartet

Jean ‘Toots’ Thielemans, il più grande virtuoso dell’armonica nel mondo del jazz, è arrivato sul palcoscenico di Castelbasso. Il suo repertorio, ricco della miriade di esperienze con i più importanti musicisti della storia recente del jazz, è composto da una carrellata di brani che abbracciano tutti i suoi più grandi amori musicali: un enorme numero di standard, poi Armstrong, il bebop, il brano che Pastorius gli ha dedicato, senza contare i brani, famosissimi, della musica brasiliana e quelli pop. A nessuna composizione il nostro artista ha negato la sua struggente armonica, nemmeno alle ultime da lui rielaborate: alcune famose arie operistiche e napoletane.

Niccolò Fabi in “Novo Mesto Tour”

Si parte per conoscere il mondo…, si torna per conoscere se stessi…
Da “Novo Mesto”, la località slovena che dà il titolo all’album, il cantautore romano è tornato in Italia sul luogo della propria ispirazione più vera, per rileggerla con una maggiore fluidità. Le canzoni sono state eleganti e proposte con discrezione, levità e molta intelligenza.

Daniele Biacchessi in “La Storia e la Memoria”

Il teatro civile di Daniele Biacchessi e le musiche dal vivo eseguite da Michele Fusiello hanno riannodato il lungo filo nero che si dipana dalle stragi nazifasciste avvenute in Italia nel 1944 e 1945, per legarsi alla scoperta del cosiddetto “armadio della vergogna” con i suoi innumerevoli fascicoli, rimasti sepolti per anni, sugli eccidi a Sant’Anna di Stazzema, Marzabotto, Fosse Ardeatine.

Rosalia De Souza

A Castelbasso la cantante brasiliana ha presentato le canzoni del nuovo album prodotto da Roberto Menescal ed interamente registrato a Rio De Janeiro con artisti del calibro di Marcos Valle, Marcio Bahia e Sidinho. “Brasil Precisa Balancar” ha riportato l’artista carioca alle origini della sua terra, offrendo uno spettacolo che rispecchia la musica, la cultura e le tradizioni brasiliane.

Flamenque Vive in “Colores Morenos”

La compagnia italo-spagnola di musica e danza flamenca ha proposto un percorso che ha toccato varie tappe del baile, nelle quali forza interpretativa e passionalità travolgenti conducono lo spettatore alla scoperta degli aspetti più laceranti e violenti del ballo gitano. Ritmi incalzanti, estetica elegante e forza istintiva arrivano al cuore attraverso emozioni che solo il flamenco riesce a rendere palpabili perché attinte dalla vita stessa. Il suo fascino oltrepassa ogni confine culturale perché interpreta quanto di universale c‘è nell’animo umano, trasformando il lamento doloroso e il grido di rabbia in Arte.
Marco Paolini e i Mercanti di Liquore

Una sorta di concerto popolare, fatto di musiche originali composte ed eseguite dai “Mercanti di liquore”, e testi in parte composti da poeti come Biagio Marin, Giacomo Noventa, Dino Campana, in parte scritti da Marco Paolini e in parte tratti dalla vasta opera di ballate-filastrocche di Rodari.
Il tema conduttore è stato legato all’acqua e alla lotta tra chi vuol trattarla come merce e chi crede che essa debba essere sottratta alle regole del mercato e del possesso. A questo tema sono state ricondotte in vario modo canzoni e frammenti teatrali.

Catherine Spaak in “Storie Parallele”

reading teatrale dedicato a Edith Piaf
Catherine Spaak legge, recita e racconta, accompagnata da Matteo Cremolini, chitarrista classico, la vita artistica e privata di Edith Piaf: l’icona del Novecento francese che ha segnato profondamente il suo secolo, lasciando la propria indelebile impronta nella musica europea.

Cochi & Renato in “Canzoni e ragionamenti”

Dopo sei anni di assenza, è tornato sulle scene il duo comico che, dalla fine degli anni Sessanta, ha tracciato la strada della comicità e del cabaret italiano. Uno spettacolo nuovo, accompagnato da orchestrali di musica swing e rock’n‘roll, i GOOD FELLAS, nel quale hanno avuto posto i classici dei due mattatori, per un intrattenimento ricco di allegria e divertimento.

James Taylor Quartet in “Ali di Carta”

Il suono della band è una miscela esplosiva di soul, funk, jazz, spy movies, R’n‘B, sulla quale si riversa lo splendido suono dell’organo Hammond di James Taylor.
Hanno accompagnato l’artista Neil Robinson (batteria), Gary Crockett (basso), John Willmott (sax/flauto), Graham Flowers (tromba), Yvonne Yanney (voce).

Stefano Bollani con Petra Magoni e Ferruccio Spinetti in “Musica Nuda”

Canzoni, solo canzoni, niente altro che splendide canzoni, una voce, un contrabbasso e un pianoforte: dalle arie del ’600 ai Police, passando attraverso brani della tradizione popolare italiana e icone del pop più recente, con cammei di standards americani. Tutto affidato al gusto e alla duttilità musicale dei tre interpreti.

Andrea Rivera in “Prossime Aperture”

Nel suo spettacolo Andrea Rivera ha interpretato una sorta di coscienza monella e imprevedibile. Si tratta di uno spettacolo capace di far ridere e pensare in un mix di irriverente satira politica e di costume, poesia colta e allegria spontanea e popolare.
Una formula innovativa di teatro-canzone che alterna a ritmo serrato monologhi, storie, dialoghi e canzoni. Uno spettacolo sicuramente in grado di coinvolgere ogni tipo di pubblico, come si conviene ad un artista nato in strada che però non mira solo a far divertire ma vuole anche, e forse soprattutto, far pensare.

Caterina Guzzanti in “Non Raccontateci Favole”

Il divertente spettacolo di Caterina Guzzanti e Paola Minaccioni è stato una spassosissima commedia agrodolce dove le due affiatate protagoniste, accompagnate dagli interventi musicali dal vivo di Gloria Clemente, si sono interrogate sulle verità delle favole… Perché fin da piccoli ce ne raccontano di tutti i colori. Ma poi si cresce e ci si accorge che sempre più cose non quadrano fino a che un bel giorno non si può fare a meno di porsi domande scomode. Una serata di comicità d’autore molto applaudita.

Sud Sound System in “Acqua pe sta Terra”

Attraverso il linguaggio del dialetto salentino, il gruppo ha condotto lo spettatore in un luogo in cui ritrovarsi per credere, se non altro, nella forza del sole e del mare, del vento e della terra, i quattro elementi primordiali che plasmano la vita dell’uomo. A noi, l’accidente e il demerito di dimenticarcene, a loro il compito e il merito di avercelo ricordato sul palcoscenico di Castelbasso.